.
Annunci online

steatrando



La Nonna, vivace, ironica, fintamente tonta. La risposta sempre pronta, pepata. Gioca con le parole da tanto ormai. Intelligente, la persona più intelligente che mi sia capitato di incontrare negli ultimi anni. Sempre coerenti con se stessi i personaggi sullo sfondo. Ma la vera regina è lei, la Nonna, saggia, amabile, ingenua e astuta nello stesso tempo, la lingua agile a dimostrare la prontezza dello spirito, piena di vitalità, sempre disponibile a spendersi non solo per la figlia ma per tutti quelli che si trovano accanto a lei. Meri www.kilombo.org
20 agosto 2017
vita familiare
Quasi razzista

(domenica a casa)

Carla. Andrea siamo noi. Oh mai sei già tornata a casa mamma?

Nonna. Volevi che non tornavo più?

Carla. No pensavo di venirti a prenderti io…

Nonna. Quando ero morta…

Carla. Se fai così me ne torno a casa subito.

Nonna. Chissà se anche te un domani ti mettono al ritiro, se ti piace venire a casa…

Cristiano. Scommetto che è venuto tuo nipote a prenderti.

Nonna. Io ci ho scommesso prima di te. E pensa è venuto a casa apposta dall’Inghilterra una settimana prima, che voi…

Carla. Vedo e sento che non sei cambiata affatto, quindi non stai più male.

Nonna. No, ma l’ho passata brutta.

Carla. E allora controlla di andare regolarmente…

Nonna. Al ritiro?

Carla. No, all’ospedale, se non vuoi avere altri blocchi intestinali…

Nonna. Ecco, io fuori no, ma intestinalmente sto male.

Carla. Vorrai dire interiormente.

Nonna. Sì nelle interiore e nell'interioro.

Carla. Si dice interiora al femminile plurale, e interiore maschile singolare.

Nonna. Ecco perché la Ivonne sbaglia, mettiamo la “a” per il plurale e la “e” per il singolare.

Cristiano. Scusa linguista, non c’è niente da mangiare? se no andiamo fuori, che credavamo ci fosse solo l’Andrea. E invece ci ha fatto la sorpresa.

Nonna. Bella? Comunque c’è pronto, non troppo, ma avevo fatto il riso anche per domani, quindi… se hai pazienza un minuto, che finisce di cuocere…

Carla. Siediti mamma e riposati. Lo guardo io il risotto.

Cristiano. Vieni qui che ti devo aggiornare un po’ di come va il mondo.

Nonna. Porco mondo, che io sono stata via…

Cristiano. Non so se hai sentito che ha chiuso il servizio taxi per i clandestini.

Nonna. Alla stazione?

Cristiano. Ma cosa dici? Nel Mediterraneo, che verrà finalmente lasciato dalle ONG. Che bello!

Nonna. E vanno quelli della Libia ha salvare i profughi?

Cristiano. Si arrangino tra di loro ‘sti arabi.

Nonna. Sono arabi anche i neri, che io non lo so?

Cristiano. La solita pignola. I mussulmani. Sono a un passo dal diventare razzista.

Nonna. Un passo indietro, che prima eri un super razzista.

Cristiano. Come ti permetti? Hai visto cosa hanno fatto in Spagna?

Nonna. Povera gente, ci sono anche degli italiani morti e dei giovani.

Cristiano. Anche se erano tutti vecchi era lo stesso una tragedia.

Nonna. E allora è vero che sei quasi non più un razzista.

Carla. Venite, è in tavola.

Cristiano. E ti siedi vicino a uno come me, allora?

Nonna. A tavola mi siedo vicino a chiunque, anche i parenti.

 




permalink | inviato da steatrando il 20/8/2017 alle 17:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 1 volte