.
Annunci online

steatrando



La Nonna, vivace, ironica, fintamente tonta. La risposta sempre pronta, pepata. Gioca con le parole da tanto ormai. Intelligente, la persona più intelligente che mi sia capitato di incontrare negli ultimi anni. Sempre coerenti con se stessi i personaggi sullo sfondo. Ma la vera regina è lei, la Nonna, saggia, amabile, ingenua e astuta nello stesso tempo, la lingua agile a dimostrare la prontezza dello spirito, piena di vitalità, sempre disponibile a spendersi non solo per la figlia ma per tutti quelli che si trovano accanto a lei. Meri www.kilombo.org
8 agosto 2018
Lover 65

(su skype dal Galles)

Bruna. Nonna, finalmente ti fai vedere.

Nonna. E voi vi fate sentire.

Bruna. No, io dicevo ti sei decisa a collegarti con skype.

Andrea. C’è il programma sul portatile e ti avevo insegnato prima di partire, perché ci hai messo così tanto?

Nonna. Perché sono del seco… millennio passato, voi siete buoni a tagliare il fieno col ferro? Comunque se non c’era la Yvonne  anche se c’abbiamo il portato sul programmabile non riuscivo.

Bruna. Parliamo di noi, non dei programmi.

Nonna. Sì della carne e ossa, non dei computer.

Bruna. Cos’hai fatto di bello oggi prima di collegarti?

Nonna. Siamo andate io e la Yvonne al supermercato qui vicino, ma c’era una baraonda che io ci non credevo e volevano mettermi sotto le macchine.

Andrea. Ti avevo detto di non andarci più.

Nonna. E la roba da mangiare… finisce o no? Non so su lì da voi?

Andrea. Potevi mandare Yvonne con una lista.

Nonna. Ma oggi c’era il 10% per i lover 65…

Bruna. Gli amanti? ma tu ce l’hai?

Nonna. Io c’avevo mio marito come amante, non so su lì da voi.

Andrea. Vorrai dire che c’erano gli sconti per gli over 65, no?

Nonna. E io che cosa ho detto? O non funziona questa scaia? E voi piuttosto come la passate? Fa almeno fresco su di lì da voi?

Bruna. Sì di giorno si sta bene, è di notte che…

Nonna. Non dormite per il caldo?

Bruna. È  tuo nipote che mi sta sempre addosso. Sai com’è, per i miei nonni siamo in luna di miele…

Nonna. Fanno lamentele?

Bruna. No sono felicissimi. Solo che la prossima settimana mio nonno è di nuovo ricoverato in ospedale e io vorrei fermarmi per accompagnare mia nonna.

Nonna. Non vorrai mica guidare, che lì quei matti vanno al contrario… o siamo noi… che andiamo sempre più a destra.

Andrea. Io comunque nonna, rassicurati, torno a casa. Anzi dovresti telefonare alla mamma chiedendole se mi viene a prendere alla Malpensa.

Nonna. E non ci puoi telefonare te?

Andrea. Non mi risponde e non mi ricordo più il fisso.

Nonna. Quello te lo cerco io, ma dopo, ma resta lì anche te, io me la cavo con la Yvonne. Facciamo un corso di lingue veloce.

Bruna. E che sistema usi?

Nonna. Non so se è un sistema, gli racconto delle robe e lei poi mi racconta le sue in francese, così ci divertiamo a spiegare le parole.

Bruna. Ce ne racconti una delle tue… robe, tanto su skype non si paga.

Nonna. Guarda proprio perché siete due sposini, che non so se questa devo dircela alla Yvonne, poi mi consigli te. Allora c’era una contessina che era in età di sposarsi. Suo papà aveva fatto venire a casa principi, marchesi, duchi e conti e nessuno gli piaceva a lei. Ma lui era bravo, voleva la felicità di sua figlia, e allora era passato ai dottori, agli avvocati, ai farmacisti e professori, ma neanche lì non c’era nessuno che lei voleva. E sapete il perché? Perché a lei gli piaceva lo stalliere di casa sua, che era un gran bel ragazzo. Un bel giorno, o forse brutto, lei si fa avanti e chiede al bel stalliere di sposarla. Lui cerca di convincerla che non è alla sua altezza, che è povero e tutto, ma lei niente, anzi gli fa la proposta di scappare assieme la notte. Lui dice che va bene, ma poi quando è venuta l’ora lui non viene. E anche il giorno dopo non lo trovano più. Era scappato. E sapete il perché?

Bruna. No, e bruciamo dalla voglia di sentire questa storia, che speriamo sia a lieto fine.

Nonna. No, ve la conto quando venite a casa, adesso spendiamo troppo.

Andrea. Dai nonna, te l’ho detto che non si paga. Adesso ci hai fatto tirare la gola, devi finirla la fiaba.

Nonna. Proprio perché siete due sposini, neh, ma devo sbrigarmi che se viene la Yvonne, poi non so lei…

Bruna. Sarà ben scabrosa…

Nonna. Un po’ scarosa è… Lui era scappato non per via della differenza di ricchezza e di tutto, ma perché non gli funzionava la roba pelata.

Andrea. Era già pelato? Ma quanti anni aveva?

Bruna. E poi non avevi detto che era bellissimo?

Nonna. Vi faccio l’indovinello. Qual è quella roba pelata che funziona quando l’uomo ha i capelli e incomincia a non funzionare più quando viene pelato?

Bruna. Il glande?

Nonna. Grande, sei troppo intelligente. Lui non gliene fregava niente della nobiltà, ma della felicità della sua sposa sì.

Andrea. Hai capito Bruna?

Bruna. E finisce così male?

Nonna. Nel culo della berta, come dicevano i vecchi? No. Perché il giovane va da una vecchia che era un po’ una strega e gli chiede aiuto. Lei sentendo tutta la storia gli dispiace e allora gli dice che se metteva su un anello e poi faceva sette volte col pollice una riga dalla fronte fin lì in basso, per sette giorni, poi guariva. Ma la roba funzionava solo con una donna, se lui provava con un’altra l’incantesimo finiva.

Bruna. Hai sentito Andrea?

Andrea. Mica parla di me la nonna, io non ho bisogno…

Nonna. Allora lui ha fatto tutto e poi è tornato indietro alla casa del conte. La ragazza era diventata triste e piangeva tutto il giorno. Appena l’ha visto gli ha corso incontro e poi gli ha mollato due bei schiaffoni, perché era scappato. Ma lui gli ha spiegato tutto e allora lei l’ha baciato. E anche il conte vedendo sua figlia che non era più triste li ha lasciati sposare. E vissero felice e con tanti… figli.

Bruna. Fedeli fino alla fine della storia.

Nonna. Brava mia cont... lady inglese, e adesso che stai lì da sola da per te non guardare i principi di Galles, neh?

Bruna. Io no che non li guardo. Guardami tu tuo nipote.

Nonna. Bisogna fargli un malufficio al contrario, non solo a lui ma a tutti gli uomini.

Bruna. Sarebbe grande!

Nonna. Glande? Uh arriva la Yvonne, gliela racconto anche a lei?

Bruna. Ma sì perché no?

Nonna. E poi se mi trova un lover 65?

 




permalink | inviato da steatrando il 8/8/2018 alle 12:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 264655 volte