.
Annunci online

steatrando



La Nonna, vivace, ironica, fintamente tonta. La risposta sempre pronta, pepata. Gioca con le parole da tanto ormai. Intelligente, la persona più intelligente che mi sia capitato di incontrare negli ultimi anni. Sempre coerenti con se stessi i personaggi sullo sfondo. Ma la vera regina è lei, la Nonna, saggia, amabile, ingenua e astuta nello stesso tempo, la lingua agile a dimostrare la prontezza dello spirito, piena di vitalità, sempre disponibile a spendersi non solo per la figlia ma per tutti quelli che si trovano accanto a lei. Meri www.kilombo.org
31 ottobre 2018
vita familiare
Italianata

(domenica su Skype)

Bruna. Carissimi, come state?

Nonna. Bruna ma se ti abbiamo sentito appena ieri…

Bruna. Sì, ma ho altre cose da dirvi.

Andrea. L’orario del volo? Guarda che di domenica possono arrivare i miei.

Nonna. Che al giorno d’oggi bisogna preparasi a tutto.

Bruna. In Italia?

Nonna. No, a casa nostra, la domenica, per il mangiare.

Bruna. Comunque, se oggi vengono, gli parlo.

Nonna. Brava, che loro credono che l’hai lasciato l’Andrea.

Bruna. E tu mi lasci Andrea?

Andrea. No, è che non ti rinnovo il contratto, non sei una precaria?

Bruna. Allora non vieni neppure alla Malpensa?

Nonna. Ma pensa  un po’… Non ci crederai mica? Se voleva lasciarti non lo diceva. Che le cose che si fanno non si dicono e quelle che si dicono non si fanno.

Bruna. Complimenti per il chiasmo.

Nonna. È una malattia?

Bruna. No è un gioco linguistico… e alla tua età. Però, rifletti, se un innamorato fa la dichiarazione e poi non fa quello che dice?

Nonna. Bisogna vedere poi lei.

Bruna. E se dice di lasciarla e poi non lo fa?

Nonna. Bisogna poi vedere lei.

Bruna. Cioè, allora facciamo per assurdo che Andrea mi lascia, ma io non lo lascio…

Nonna. È proprio assurdo.

Andrea. Stai tranquilla, vengo a prenderti all’aeroporto, ti porto qui a casa e solo dopo ti lascio.

Bruna. Allora mi faccio venire a prendere da mio papà.

Andrea. Ma prima dobbiamo parlare. Non vuoi mica fare come dice mia nonna: di lasciarci senza dirlo?

Nonna. O dirlo senza lasciarvi?

Bruna. Be’ allora, dopo che abbiamo parlato durante il viaggio, portami dai miei.

Nonna. E già, bella mia, io gli pago la benzina all’Andrea e te non vieni neanche a darmi un bacetto?

Bruna. Sì, carissima, ma giusto il tempo di un bacio.

Nonna. Tienilo d’acconto il tempo dei baci, finché dura. E poi non l’hai ancora capito che l’Andrea scherza? Martedì ti viene a prendere, ma poi ti lascia… per andare a lavorare. Noi italiani non ci abbiamo mica tante vacanze come voi stranieri, che solo mangiare e cantare…

Bruna. Tu sei in pensione, sei sempre in vacanza, nonna.

Nonna. Dicevo noi gente di scuola, che quando facevo la bidella facevo ancora meno vacanze dei professori.

Bruna. Sono… rimango basita.

Nonna. Si vede che non hai le basi per stare con noi…. Che quando scherziamo ci prendi sul serio e quando non scherziamo non ci credi.

Bruna. Ma adesso state dicendo sul serio?

Nonna. Scherzi?

Andrea. Sì, adesso che ti abbiamo fatto fare un po’ di penitenza, tranquillati.

Bruna. Si diceva così in italiano?

Nonna. No quella lì è un’italianata di adesso, non di prima.

Andrea. No si diceva in passato, mi ricordo.

Nonna. Anche il passato non è più quello di una volta…

Andrea. Così non ti abbiamo ancora lasciato dire quello per cui ci hai chiamati.

Bruna. No, ho sentito di una manifestazione unitaria antifascista che si farà a Milano e volevo solo sapere se si terrà nei giorni in cui sono in Italia.

Andrea. Allora sei sicura di ripartire?

Bruna. No, scusa, devo ancora decidere. Ma sono felicemente sorpresa: io la sinistra italiana la conoscevo solo per le divisioni.

Nonna. Che è ora che impara le somme e le moltiplicazioni…

Andrea. Io non so niente… so solo che sono arrivati i miei. Allora ci parli?

Bruna. Sì, tanto li vedrò per i Morti…

Nonna. Speriamo senza feriti…

(entrano Carla e Cristiano)

Carla. Sempre al computer voi due?

Nonna. No, noi tre, che ci ha chiamato adesso la Bruna  che col cielo non si paga, grazie al cielo.

Carla. Col cielo?

Andrea. La nonna vuol dire con Skype, che ha confuso con l’inglese sky che vuol dire cielo, mamma.

Nonna. Scusate, scusa Carla che te sai solo il francese e io, appena vieni dentro, ti parlo in inglese.

Carla. Allora questa Bruna latitante?

Nonna. No di latte non ne ha ancora, speriamo presto. È qui dentro al computer.

Bruna. Buongiorno Carla, come va? Sa che torno per i Morti?

Carla. E col mio Andrea torni o no?

Bruna. Se lui mi vuol ancora, sì.

Carla. Ah ce l’hai la coscienza sporca?

Nonna. Ma quando viene a casa fa un bel bagno…

Carla. Tu scherzi ma io voglio farle un bel discorsetto quando viene, ma vis a vis non così.

Bruna. Bene, l’hai avvisata bene.

Cristiano. E a me l’inglesotta non parla?

Bruna. Ah c’è anche lei? Buongiorno.

Cristiano. Mi dai del lei, non so se ti sei accorta che sono un maschio?

Nonna. Nostalgico…

Cristiano. Cosa? E lo sai che qui ci sono stati dei nubifragi.

Bruna. Allora fa freddo?

Cristiano. No, per essere ottobre, ma il tempo ha fatto disastri.

Nonna. Il tempo non vedeva l’ora…

Bruna. È tutta colpa nostra.

Cristiana. Di voi inglesi o di voi ambientalisti?

Nonna. Non degli industrialisti?

Bruna. In ogni caso il riscaldamento climatico va combattuto da subito.

Cristiano. E se lo ignorassimo, tanto ha sempre fatto così.

Bruna. Non con eventi così estremi.

Cristiano. Gli estremisti li sistemiamo prima o poi.

Nonna. Anche Salvini?

Cristiano. No, a parte la battuta, la tecnologia prima o poi mette a posto tutto. L’ha sempre fatto.

Bruna. Io non ho fiducia in lei, lei la tecnologia, non lei maschio, s’intende.

Cristiano. Ma se la stai usando, cretina, o usi i piccioni viaggiatori?

Nonna. In the Skype senza daimon

Carla. Vuoi che ti regali un diamante l’Andrea, che poi lo lasci?

Nonna. Se lo lascia glielo dà indietro

Bruna. No, io sono contraria ai diamanti…

Nonna. Sì, lei non è mica tecnologica: lei vuole andare indietro all’età… come si dice del ferro, del stagno, del bronzo, dell’oro.

Bruna. Sì, ha ragione la nonna, una vera d’oro la voglio proprio dall’Andrea.

 

 




permalink | inviato da steatrando il 31/10/2018 alle 7:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 271163 volte