.
Annunci online

steatrando



La Nonna, vivace, ironica, fintamente tonta. La risposta sempre pronta, pepata. Gioca con le parole da tanto ormai. Intelligente, la persona più intelligente che mi sia capitato di incontrare negli ultimi anni. Sempre coerenti con se stessi i personaggi sullo sfondo. Ma la vera regina è lei, la Nonna, saggia, amabile, ingenua e astuta nello stesso tempo, la lingua agile a dimostrare la prontezza dello spirito, piena di vitalità, sempre disponibile a spendersi non solo per la figlia ma per tutti quelli che si trovano accanto a lei. Meri www.kilombo.org
6 novembre 2018
vita familiare
Suggestitrice

(al telefono)

Carla. Mamma, ieri tornando a casa pensavamo una cosa…

Nonna. Non bisogna pensare intanto che si guida, se no…

Carla. Ma quando impari a non interrompere la gente quando parla?

Nonna. Adesso poi quando che sono morta.

Carla. Io e Cristiano stavamo dicendo: come ha fatto quella furba della Bruna a non farsi riconoscere e a farsi passare per straniera? Qui in città sanno chi è, anche se è un po’ che manca.

Nonna. Sì, lo dicevo anch’io, ma loro sono andati in un altro comune dove c’era il discorso per il 4 novembre, non solo la banda e i fiori.

Carla. Ma anche lì… comunque mi sono anche meravigliata che ha dormito a casa dei suoi, non con l’Andrea.

Nonna. Te o tuo marito? Adesso glielo dico che te… voi volete che dormono insieme, che lei sta qui fino all’11.

Carla. No, cosa dici? È inutile che fai finta che non vanno a letto assieme, cioè che andavano. Però se adesso non lo fanno più allora vorrà ben dire qualcosa. Tu che ne sai?

Nonna. Io? Io niente, potevi chiedercelo all’Andrea. Ma adesso, ‘sta settimana, guardo, che se per caso ci provano a dormire insieme, cioè non solo dormire… ti telefono subito.

Carla. Non farmi ridere. Piuttosto, mi ha detto che torna in Inghilterra l’11 novembre.

Nonna. Forse, se ho capito bene, che a me non dice mai niente nessuno, tanto sono l’ultima ruota del carro.

Carla. Non piangerti addosso. Non è proprio il caso: tu sai sempre tutto, anzi manovri dietro le quinte.

Nonna. Sì, mi piaceva sempre fare il teatro e non me l’hanno mai fatto fare, magari anche la suggesti... suggestitrice, tanto per star lì a vedere.

Carla. Certo che la faccia tosta l’avresti avuta.

Nonna. Sai che cosa mi mancava: la memoria, che imparare la parte, se poi è lunga, non so se ero buona.

Carla. Soprattutto se eri… buona a parlare bene in italiano. E ieri sera è venuta a dormire da noi la Bruna?

Nonna. Se non lo sapete voi?

Carla. Noi, ma come facevamo a 80 km?

Nonna. Appunto come faceva lei a venire a dormire da voi e poi perché?

Carla. Non farmi impazzire, mamma!

Nonna. No, per carità, che ce n’è già in giro della gente….

Carla. Te lo dico chiaro e netto: hanno dormito assieme lei e l’Andrea ieri sera?

Nonna. Alla sera non so se dormivano, magari la notte.

Carla. Cioè, te lo ridico, è tornata a dormire da noi… cioè a casa, cioè con l’Andrea, ieri la Bruna?

Nonna. Ci voleva tanto a farti spiegare? Adesso sì che ho capito.

Carla. E allora hai capito cosa hanno fatto loro?

Nonna. No, non ho capito.

Carla. Anche se non avessero fatto niente, solo per il fatto di stare nello stesso letto vorrebbe dire qualcosa.

Nonna. E ci voleva tutto ‘sto giro dell’oca? Dopo sette fette hai capito che era polenta anche te.

Carla. Cioè?

Nonna. Cioè che vanno ancora insieme. Ma non li avete visti come andavano d’accordo, e poi sempre in giro insieme, e lui a mangiare dai suoi, e loro da noi una volta e lei non so quante volte…

Carla. Ma intanto ritorna in Inghilterra. E allora?

Nonna. Prima di tutto non lo so bene ancora, poi ci chiedo. Secondo me, una testa come lei, qui a fare la supplente, che poi non la chiamano neanche. Me l’ha spiegato lei è il capitalismo… non so più che roba mi ha detto, ma come raccomandazionale, forse…

Carla. Capitalismo raccomandazionale? Cosa dici?

Nonna. Ma sì quello di far passare i raccomandati, i parenti, i figli degli amici, dei signori e poi non guardano chi è bravo e magari sa anche la lingua straniera.

Carla. È sempre stato così e poi cosa c’entra il capitalismo? Sempre contro tu. Va bene che ha le spalle larghe ma che abbia tutte le colpe... Per esempio quei disastri ambientali là in Veneto non saranno anche colpa degli ambientalisti?

Nonna. Oh hai visto proprio i posti della prima guerra mondiale, che anche lei aveva fatto gli stessi disastri, e adesso proprio cent’anni dopo… Ma che cosa c’entrano gli ambientalisti?

Carla. Non so bene, ma lo dicono e poi loro non vogliono fare gli argini ai fiumi, né togliere gli alberi nei greti dei torrenti.

Nonna. Per metterci le case?

Carla. Certo l’abusivismo, ma anche il suo contrario non va bene.

Nonna. E allora non abusiviamo dei giovani, lasciamogli fare quello che vogliono,  sia che dormono vicino o lontano.

 




permalink | inviato da steatrando il 6/11/2018 alle 7:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 271164 volte