.
Annunci online

steatrando



La Nonna, vivace, ironica, fintamente tonta. La risposta sempre pronta, pepata. Gioca con le parole da tanto ormai. Intelligente, la persona più intelligente che mi sia capitato di incontrare negli ultimi anni. Sempre coerenti con se stessi i personaggi sullo sfondo. Ma la vera regina è lei, la Nonna, saggia, amabile, ingenua e astuta nello stesso tempo, la lingua agile a dimostrare la prontezza dello spirito, piena di vitalità, sempre disponibile a spendersi non solo per la figlia ma per tutti quelli che si trovano accanto a lei. Meri www.kilombo.org
7 novembre 2018
Gomme

(in casa)

Andrea. Bruna, allora ‘sta mattina mi porti al lavoro alle 8 poi vai dal gommista a far mettere le gomme invernali.

Bruna. Scusa, ma sono mesi che non guido.

Andrea. No, se ti ho fatto apposta guidare in quel pezzo di strada l’altro giorno.

Bruna. Ma hai visto tendevo ad andare a sinistra.

Nonna. Brutta tendenza, adesso vanno tutti a destra…

Bruna. Sarà che sono abituata a vedere andare a sinistra in Inghilterra, anche se là non ho mai guidato.

Nonna. Che l’Inghilterra almeno la sinistra c’è ancora…

Andrea. No, non fate dietrologia, c’è una gomma super lisa, poi bisognerà buttarla. Intanto cambiamola con l’invernale.

Bruna. Allora perché non facciamo mettere le “quattro stagioni”?

Nonna. Scusate: per quelle allora non si deve andare in pizzeria?

Andrea. No, nonna, ha ragione Bruna, adesso ci sono gomme che non si cambiano l’estate e l’inverno, ma appunto vanno bene tutte e quattro le stagioni.

Nonna. Sì, ma allora quelle vecchie per l’inverno?

Bruna. Io direi di buttarle le vecchie, alla lunga ci guadagniamo.

Nonna. Non lo so, magari vi sembra a voi, ma dico, le vecchie sempre se non fanno ammattire e sono ancora abbastanza in gamba, magari servono ancora.

Andrea. In che senso?

Nonna. Lo so che in questi anni che siete stati assieme, io vi sono stata addosso che delle volte… e poi sempre parlare, come adesso, di quello che non ci capisco un bel niente, ma non sto zitta.

Bruna. Ah scherzi nonna. Non sono più abituata. Ma se mancassi tu, e tutte le vecchie sarebbe una grave perdita. Non sai che è stato detto che ogni morte di un anziano è come l’incendio di un archivio, di una biblioteca?

Nonna. Grazie, Brunina, sei sempre carina, ma te non sei stata a casa gli ultimi tempi e ti sei un po’… sgurata.

Bruna. Una parola italiana che non conosco?

Nonna. No, del dialetto, che vuol dire… Andrea che cosa vuol dire?

Andrea. Se non lo sai tu…

Nonna. Come dire pulita, disintossicata…

Andrea. Torniamo alle gomme, signore mie?

Nonna. Prego: signorine e non so neanche se proprio tue!

Bruna. Io sarei per cambiarle tutte, ma una volta che ci siamo accertati che riciclino correttamente quelle usate.

Andrea. Sono obbligati, almeno i grossi, magari non il meccanico qui vicino.

Nonna. Avevate letto della scuola di gomme che hanno fatto in Palestina che gli israeliani vogliono buttar giù?

Bruna. Sì, c’è anche una raccolta fondi. Adesso Nethaniau con l’elezione di Trump si sente più forte e impunito, se ne frega delle condanne internazionali.

Andrea. A proposito, quando sono stato a prendere il caffè, al bar la televisione dava Trump vincitore alle elezioni al mid-term.

Bruna. Ma no, io ho sentito la radio che diceva che i repubblicani hanno perso la Camera.

Nonna. Le votazioni sono sempre delusioni, lasciatemelo dire a me che ne ho passate. Però dire che uno ha vinto e ha perso.

Andrea. Il solito discorso del bicchiere mezzo pieno, mezzo vuoto.

Nonna. Certo che però gli americani e gli israeliani… ce ne sono di razzisti.

Andrea. Non fare l’antisemita.

Nonna. E l’anti Usa…

Bruna. E getta. Se vado dal gommista mi faccio spiegare bene dove vanno a finire quelle usate.

Andrea. Magari le ricoprono e poi le rivendono.

Nonna. Nel Sud d’Italia o del mondo?

Bruna. Anche, è quello che temo.

Andrea. Sei in contraddizione, sarebbe comunque un riciclo, durerebbero molto più a lungo.

Nonna. Che le vecchie c’hanno bisogno…

Andrea. Allora andiamo che è tardi?

Bruna. Però mi fai guidare da subito, fino al digestore, così se non ce la faccio rinuncio.

Andrea. E poi stai lì con me al lavoro?

Nonna. No, Bruna, cerca di essere indipendente. Non stargli sempre addosso a quel povero Andrea. Il cordone ombelicale è ora che lo tagli, o no?

Andrea. Ma se è stata lontana mesi, e adesso vuole andarsene ancora da me.

Nonna. Allora adesso che l’abbiamo usata, gettiamola, va bene così?

Bruna. No, preferisco, riciclarmi… divento guidatrice… indipendente.

 

 




permalink | inviato da steatrando il 7/11/2018 alle 11:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 271169 volte